Blog: http://LocaGiuLiva.ilcannocchiale.it

Aurora

Scorre,scivola. Ansia
Che fissa gocce d’acqua su vetri sudici.
Porta via tutto ciò che trova in te.
Ira e rancore. Amano sognare su piume di odio.        
Si nutre di ciò che hai. Ti vuole. Si ciba di risentimento.
Un sorriso,forza non pensare.
Lontano un urlo violento.
Liberazione. Tremenda follia.
Disprezzo.
Si avvinghia e  trascina via.
Malinconico, si trascina per strade gelate da morti apparenti.
Vita di stenti. Vuole ciò che non ha lo brama, lo anela.
Una lacrima di fiele distrugge il passato. Lava le iniquità.
Pretende di tergere ciò che sarà,ciò che fa male ancora.
E come un ancora rimane a te. Lacera.
Vivo da sola, prepotente forse stando in attesa della mia aurora.

Pubblicato il 8/12/2006 alle 18.50 nella rubrica Letterata, illetterata.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web